Hyperpaysages

Démonstration et documentation technique.

Accueil > Documentation > Prise de vue. > Fotografare il panorama.

Fotografare il panorama.

samedi 3 septembre 2016, par Robert

Toutes les versions de cet article : [français] [italiano]

Prerequisiti : Le apparecchiature.
È ora il momento di curare le inquadrature delle fotografie, al fine di evitare dei problemi all’assemblaggio.

Da ricordare :
- generalmente esistono due tipi di apparecchi fotografici : le reflex e le compatte. A meno che non ci si connette a una scheda WiFi, questi dispositivi non possono inviare informazioni sulle reti.
- Esistono altresì delle periferiche pensate alla comunicazione attraverso le reti e che possono contenere un apparecchio fotografico. Queste periferiche possono, Ces périphériques peuvent, se del caso, inviare delle informazioni sulle reti, spesso profilandovi come consumatore.

 Pre-regolazione dell’apparecchio

 Reflex e compactte

Riassumento, dovrete fissare tutto, ad eccezione della velocità.

Memorandum :
Se desiderate affinare alcune regolazioni, vedi sotto.
- Impostazioni di cattura : priorità all’apertura (« A » per Nikon o « Av » per Canon).
- Apertura : « f8 » o « f5.6 », se la luce lo permette.
- Focale : disattivate un eventuale zoom automatico, e non scendete al di sotto dei 35mm.
- Bilancia dei bianchi : fissate in funzione delle luminosità effettive : incandescente, soleggiato, nuvoloso, ecc.
- ISO : in giornata, 100 ISO.
- Filtri : compatte : disattivate un eventuale filtro ND automatico.

- Impostazioni di cattura : l’esposizione e la profondità di campo devono essere le medesime per tutte le fotografie. Si sceglierà dunque il modo « priorità all’apertura » (« A » per Nikon o « Av » per Canon) [1]. La velocità ha meno importanza in questo caso, e se lavorate con il treppiedi, non rischiate normalmente l’effetto « mosso ».

- Apertura : Si fotografano dei paesaggi, dunque si ricerca la maggiore profondità di campo possibile. Per questo, si chiude il più possibile il diaframma [2]. Se la luce lo permette « f8 » o « f5.6 » rappresentano delle buone scelte.

- Focale : disattivate un eventuale zoom automatico : la focale deve essere identica per tutte le fotografie [3]. Quale scelta operare ? Più la focale è piccola, minore sarà il numero necessario di fotografie (l’angolo di vista è più grande) e più la profondità di campo è grande, ma altresì la rettitudine delle linee dritte diminuisce. Suggerimento : non scendete al di sotto di 35mm per un sensore « full frame » [4] se desiderate privilegiare la rettitudine delle linee.

- Bilancia dei bianchi : In breve, la bilancia dei bianchi rifinisce le aree che appariranno bianche sulla fotografia ; così una candela indurrà dei bianchi sfumati in arancione, e un cielo blu, dei bianchi bluastri. L’apparecchio non si adatta automaticamente alle differenze di luce che incontrerà. Per evitare questo, occorre fissare questa bilancia alle condizioni di luce effettive : incandescente, soleggiato, nuvoloso, ecc.

- ISO : Si tratta della sensibilità del film. Minore sarà la luce e più occorrerà aumentarla. Anche la sensibilità del film va fissata. Il problema consiste nel fatto che più ISO aumenta, più il « rumore (immagine) » aumenta. [5]. In giornata, 100 ISO, rappresenta una scelta corretta.

- Filtri : Per le compatte, disattivate un eventuale filtro ND [6] automatico. Se la luce è forte, attivatelo, altrimenti disattivatelo. Occorre impedire la modalità automatica.

 Tablets e Smartphones

Qui potete scegliere tra :
- applicare se possibile l’essenziale delle pre-regolazioni presentate in precedenza.
-  Seguire la modalità panoramica integrata o scaricata sulla vostra periferica. Per alcuni apparecchi questa modalità è già integrata originariamente. Altrimenti delle applicazioni sono disponibili sul web (Play store, App Store, ecc.). L’assemblaggio delle foto sarà automatico, ma ricordatevi che questo assemblaggio potrebbe lasciar intravvedere degli difetti.
(v Le apparecchiature.).

 Inquadratura e presa di immagini

 Reflex e compatte (con treppiedi)

Memorandum :
- Scegliere il punto dal quale scattare le immagini, montare il materiale (per le reflex regolazione di eventuali filtri).
- Reperire il Nord, se desiderate utilizzarlo nella pubblicazione web.
- regolare l’orizzontalità all’aiuto di un livello (inclinazione orizzontale e verticale della testa, altezza dei piedi del treppiede).
- Inquadrare unicamente « giocando » sull’inclinazione verticale.
- Messa a punto :
  • Se esiste, memorizzare ET bloccaggio.
  • Altrimenti, messa a punto manuale. Attenzione agli obiettivi AF : A->M ou M/A->M

- Prima fotografia : scegliere un punto « significativo » facile da memorizzare.
- Fotografie seguenti : sovrapposizione del 30% rispetto la fotografia precedente. Utilizzare la regola dei terzi.
- Prendere una foto supplementare : è meglio fotografare 390° che 340° !
- Attenzione alle nuvole di grandi dimensioni o a raggi solari inattesi, ai controluce « violenti » e agli oggetti in movimento che saranno di preferenza nel mezzo della fotografia.

- Scelta del punto « nodale » : ovvero il punto attorno al quale l’apparecchio va ruotare. Montare e posizionare il piede, stabilizzarlo e avvitare l’apparecchio.
-  Reflex, nel caso di utilizzazione di un filtro : è il momento di avvitare e di regolare il filtro.
- Il Nord : se desiderate utilizzare la funzionalità « direzione dello sguardo » nella pubblicazione, occorre reperire il Nord con l’aiuto di una bussola e trovate un mezzo per memorizzare dove si trovi nell’immagine (nota, oggetti, ecc.)
- Regolazione dell’orizzontalità : con questa regolazione, si potrà assicurare che la linea d’orizzonte reale, visibile o mascherata dagli oggetti, sarà perfettamente orizzontale e alla medesima altezza per tutte le fotografie. Si utilizza il livello dell’apparecchio, in mancanza dello stesso, se ne posa uno [7] sull’apparecchio. In seguito, ruotate l’apparecchio di
360°, la bolla deve restare (il più possibile) al centro. Affinché ciò avvenga, potete « giocare » con le inclinazioni orizzontali e verticali della testa del treppiede, così come pure con l’altezza di ogni piede del treppiedi.

- Inquadramento : effettuato questa regolazione, può accadere che non sia ottimale. Per migliorare la situazione, potete far ruotare l’apparecchio di 360°, ma questa volta, « giocate » unicamente con l’inclinazione verticale ! Non potete più modificare né la regolazione del treppiede, né l’inclinazione orizzontale della testa, altrimenti, perderete l’orizzontalità della linea d’orizzonte. Prestate altresì attenzione di non urtare il treppiede durante la regolazione dell’inquadramento.

- Messa a punto : al fine di considerare una profondità di campo adeguata, la messa a punto si effettua su di un oggetto lontano (a mezza distanza tra l’orizzonte reale e voi). Questa messa a punto deve restare fissa per tutte le fotografie. Innanzitutto, disattivate un eventuale « zoom » automatico. In seguito, vi sono due possibilità :

  • Il vostro apparecchio può memorizzare ET e bloccare la messa a punto, allora, utilizzate questa opzione.
  • Il vostro apparecchio non può memorizzare e pertanto utilizzate la messa a punto manuale. Attenzione, con gli obiettivi AF (autofocus), può essere necessario di regolare altresì l’obiettivo in modo manuale. Questo si fa regolando un commutatore di messa a punto dell’obiettivo in modo manuale. A->M o M/A->M. Si vedano le illustrazioni seguenti.

- Scattare delle fotografie :

  • La prima fotografia : Rappresenta il punto da dove partirete e dove terminerete. Scegliete un punto « significativo », facile da memorizzare. Il punto di partenza non ha importanza nella pubblicazione dell’iperpaesaggio, si può scegliere il punto di partenza della panoramica al momento della pubblicazione.
  • Le fotografie seguenti : per ogni fotografia seguente (compresa la prima) ruotate l’apparecchio fotografico fino al punto da ottenere una sovrapposizione tra la foto appena scattata e la seguente, con una sovrapposizione del 30%. In pratica, quando scattate una fotografia identificate un elemento significativo su una linea verticale immaginaria situata a due terzi in direzione destra (se ruotate verso la destra) di questa foto, e ruotate il margine sinistro del mirino dell’apparecchio fino a questo punto per scattare la seguente. Se il vostro apparecchio dispone di linee guida che obbediscono alla regola dei due terzi, utilizzatele !
    Scattare tutte le fotografie necessarie, generalmente un numero variabile tra le 12 e le 15, per coprire interamente il panorama anche con una fotografia supplementare : è meglio fotografare 390° que 340° !

- Alcuni consigli :

  • Le condizioni di luminosità devono essere sensibilmente simili per tutta la panoramica : se una grossa nuvola o un raggio di solo inatteso appaiono, attendere un momento.
  • I controluce possono porre dei seri problemi, soprattutto se il sole brilla e arriva direttamente nell’asse dell’obiettivo, in questo caso la panoramica diviene praticamente impossibile - salvo « effetti artistici » specialmente ricercati. Sta a voi vedere e immaginare ; esistono più mezzi per evitare questi effetti indesiderati, da utilizzare separatamente o congiuntamente :
    • Scegliere un punto « nodale » non esposto direttamente alla luce del sole : ostacoli, per esempio (ma allora prestate attenzione alla rapida rotazione dell’astro).
    • Privilegiare le ore prossime al mezzogiorno.
    • Un cielo coperto.
    • L’utilizzo di filtri polarizzanti o a densità neutra.
  • Gli elementi fotografati devono essere se possibile permanenti durante cattura dell’immagine. Sarebbe meglio evitare gli oggetti in movimento (veicoli, passanti, …), poiché l’applicazione di assemblaggio avrà delle difficoltà nel procedere all’assemblaggio se un oggetto si ritrova su più immagini. Se è importante che gli oggetti mobili appaiono sulla panoramica, occorre fare in modo che essi siano al centro dell’immagine e attendere che siano scomparsi dal campo prima di continuare con le catture di immagini.

 Tablets e smartphones

 Fotografare senza treppiede

Memorandum :
- Tenetevi in posizione eretta, i gomiti ben chiusi e adesi al vostro corpo.
- Solo i vostri piedi devono muoversi per far ruotare il vostro corpo.

Senza treppiedi, dovrete contare sulla stabilità del vostro corpo. In questo caso evitate soprassedete sulle indicazioni del livello e andate direttamente a quelle riguardanti l’inquadratura ; il seguito sarà uguale a quanto spiegato poc’anzi.

Stabilizzarsi :


- Tenetevi bene eretti e tenete correttamente l’apparecchio o il vostro tablet, i gomiti adersi al vostro corpo. Per gli apparecchi, ecco un articolo che illustra chiaramente e semplicemente come procedere « Comment tenir son appareil photo ? »). Per i tablets e gli smartphones, attenzione agli ostacoli (dita, astucci, ecc.) « pendenti » davanti l’obiettivo.
- Voi siete ora il « punto nodale » ; ovvero il punto attorno il quale voi ruotate per scattare delle fotografie. Questo punto deve essere il più fisso possibile. Unicamente i vostri piedi possono muoversi per far ruotare il vostro corpo.

 Risorse.

[fr]
- Guide de la photo panoramique
- Filtres utiles pour les paysages
- Types d’appareils photos
[en]
- The guide to panoramic photography
[it]


[1Per infomarzioni : A = Aperture - Av = Aperture value. Per quanto riguarda l’altra priorità, ovvero la velocità, è indicata con S (Speed) per Nikon e Tv (Time value) per Canon.

[2Attenzione : più il numero « f » è piccolo, più l’apertura è grande. A titolo di esempio : « f5.6 » è un apertura maggiore a « f8 ».

[3Una piccola variazione di focale ed il programma per l’assemblaggio rischia di non più ritrovare i punti di contatto tre due fotografie consecutive ; l’assemblaggio rischia di presentare dei difetti.

[4full frame (schermo intero) = 24x36mm. Per adattare al vostro apparecchio, la formula è semplice focaleEquiv = dimensioneVostroSensore / dimensioneSensoreFullFrame. « dimensione » = larghezza, lunghezza o diagonale ; si rimanda alla documentazione del vostro apparecchio per conoscere le dimensioni del sensore. Potete anche consultare . S’y retrouver dans la taille des capteurs en photo numérique per più spiegazioni maggiormente dettagliate.

[5Questo « rumore » nella fotografia numerica corrisponde al « grano » nella fotografia analogica. Per saperne di più sul rumore (immagine).

[6NB : filtro ND = neutral density filter = filtro a densità neutra.

[7Se il vostro apparecchio ne è privo, potete trovare dei piccoli livelli - come quello illustrato sulla fotografia, per alcuni €, nei negozi di fai da te.

Un message, un commentaire ?

modération a priori

Ce forum est modéré a priori : votre contribution n’apparaîtra qu’après avoir été validée par un administrateur du site.

Qui êtes-vous ?
Votre message

Pour créer des paragraphes, laissez simplement des lignes vides.

Hyperpaysages est un concept imaginé et développé par l'Institut d'Eco-Pédagogie et le Laboratoire de Méthodologie de la Géographie de l'ULg.
Site web créé par Robert Sebille.

Sous réserve contraire d’une annotation dans un article ou un hyperpaysage,
Licence Creative Commons les articles et médias de la rubrique « Documentation » sont sous licence Creative Commons Attribution - Non Commercial - Partage à l’identique 4.0 International,
Licence Creative Commons le reste du site est sous licence Creative Commons Attribution - Non Commercial - Pas de modifications 4.0 International.
Tous les liens vers des tierces parties réfèrent aux licences accordées par ces tierces parties.